News | Mirto, Biccari e Linguaglossa: altri tre Comuni si uniscono a South Working® per diffondere un modello di lavoro sostenibile

Pubblicato
il 1 Dicembre 2021

I Comuni di Mirto (ME),  Biccari (FG) e Linguaglossa (CT) hanno sottoscritto tramite delibera rispettivamente in data 8 ottobre 2021, 8 novembre 2021 e 23 novembre 2021 un protocollo d’intesa con l’Associazione ‘South Working® – Lavorare dal Sud’, nata nel marzo 2020 con l’obiettivo di favorire il ritorno di lavoratori agili altamente qualificati nelle aree marginalizzate del Paese con particolare attenzione al Sud Italia al fine di combattere lo spopolamento rendendo i suddetti territori un polo attrattivo per giovani lavoratori e lavoratrici italiani e internazionali che possano contribuire allo sviluppo e alla crescita dei territori. 

Si allarga così la Rete dei soggetti che hanno sottoscritto con l’Associazione il protocollo d’intesa, uno strumento operativo con cui partner istituzionali come Comuni, Enti, reti di comuni ecc… si impegnano a favorire il ritorno dei lavoratori agili sui loro territori.

South Working® collabora già con oltre 50 realtà su tutto il territorio nazionale dalle quali è possibile lavorare in maniera condivisa. 

“Siamo più che soddisfatti che l’esperienza di South Working® sia condivisa da sempre più Comuni” ha dichiarato il Vice Presidente Esecutivo e Project Manager di South Working® Mario Mirabile, che ha aggiunto: “Questo è un passo fondamentale per la diffusione di una cultura di un modello di lavoro veramente agile e sostenibile per lavoratori e territori”. 

La Presidente di South Working® Elena Militello, ha commentato: “Siamo felici che i Comuni di Biccari, Mirto e Linguaglossa si siano uniti alla nostra già ampia rete di Comuni del Sud Italia che hanno firmato un protocollo d’intesa, uniti dall’obiettivo comune di incentivare il lavoro agile dalle aree interne e dai borghi italiani. Confidiamo che le esperienze di lavoro agile possano moltiplicarsi rendendo chiari a sempre più comuni quali sono i reali vantaggi di un modello lavorativo più sostenibile”.

Pubblicato
il 20 Novembre 2021

Tesi di Laurea di Rosa Di Cagno – Scienze della Comunicazione

Pubblicato
il

Tesi di Laurea di Roberta La Dolcetta – Scienze Linguistiche con curriculum Management e Relazioni Economiche Internazionali

Pubblicato
il

Tesi di Laurea di Letizia Alianelli – Strategic Design

Pubblicato
il 19 Novembre 2021

di Stefano Rodi

Uno dei grandi problemi che azzoppa l’Italia non è che molti dei suoi migliori cervelli, più o meno giovani, vadano all’estero, ma che non tornino più indietro. Fare esperienza oltreconfine significa sempre crescere sul piano umano, spesso su quello professionale, ma se questo patrimonio è a fondo perduto il danno in patria è epocale. Secondo l’Istat «sono stati 899mila gli italiani trasferiti all’estero negli ultimi 10 anni. Di questi 208mila (il 23%) sono in possesso almeno di una laurea».

→ Continua a leggere su Corriere della Sera

Pubblicato
il 17 Novembre 2021

di Jamie D’Alessandro

A tarda sera Nicola Possagnolo, 32 anni, si lascia andare. Mentre arriva un altro assaggio, stavolta di rigatoni al broccolo con vongole e ricciola, versa un calice di vino bianco e spiega rassegnato: “Non vogliono tornare, tutto qui. Il periodo della pandemia li ha messi davanti ad uno specchio. Quei mesi di calma assoluta hanno fatto riflettere. Tanti si son decisi a non riprendere la vita di prima. Ecco perché abbiamo un problema a trovare personale”…

→ Continua a leggere su Repubblica

Pubblicato
il

di  Leonardo Becchetti

Nell’ultimo rapporto sulla generatività e il ben-vivere delle province italiane prima della pandemia concludevo un po’ sconsolatamente commentando l’ultima posizione per opportunità di lavoro di Vibo Valentia (la provincia con uno dei tratti di mare più belli del nostro Paese le splendide località di Tropea e Zambrone) che sembrava impossibile conciliare efficienza e bellezza…

→ Continua a leggere su Vita

Pubblicato
il 26 Ottobre 2021

di  Gilda Sciortino

Si chiama “Palermo 4.0” ed è la partnership lanciata da un gruppo di associazioni, aziende e istituzioni palermitane per offrire una formazione critica ai ragazzi che frequentano le quinte classi di alcuni istituti tecnici del capoluogo siciliano, al fine di facilitare l’incontro con il mondo del lavoro. Dopo avere coinvolto 60 studenti, ora parte la seconda fase che durerà tre anni e coinvolgerà anche le quarte, prevedendo non solo nuovi moduli formativi sull’educazione finanziaria, ma pure visite aziendali per fare conoscere agli studenti i relativi processi produttivi…

→ Continua a leggere su Vita

Pubblicato
il 22 Ottobre 2021

di Luigi Alfonso

C’è chi è già rientrato nella consueta sede di lavoro, c’è invece chi si appresta a farlo. Ma in molti “resistono” e continuano a lavorare da casa o in spazi co-working. Il progetto di Petralia Sottana (Palermo) che tanto piace ai giovani, ma non solo. Due fratelli ci raccontano le loro differenti esperienze…

→ Continua a leggere su Vita

Pubblicato
il 20 Ottobre 2021

di Tullio Filippone

Designer e bancari tornati nei borghi siciliani, comunicatori digitali che da Milano e Roma scelgono il centro storico di Palermo perché “è a misura d’uomo”. Per capire cos’è il South Working – neologismo che definisce i lavoratori da remoto che scelgono di vivere al Sud o ci tornano – basta un numero: 30mila persone, per lo più under 40. Tanti nell’ultimo anno, secondo uno studio di Facile.it sono tornati nell’Isola, perché possono lavorare a distanza, lontani da caos e dai costi delle grandi città del Nord. Come se un capoluogo come Enna fosse tornato in blocco in Sicilia, dove i borghi, spopolati dall’emigrazione, mettono su spazi che diventano stazioni di lavoro.

→ Continua a leggere su Repubblica